• Dom. Set 25th, 2022

Ucraina, il “Cristo” di Leopoli rimosso dalla cattedrale, sarà protetto in un bunker

DiGiovanni Azzara

Mar 7, 2022

La statua medievale del Gesù Cristo di Leopoli è stata rimossa dalla cattedrale armena e con tutte le precauzioni è stato trasportato e protetto all’interno di un bunker al riparo dagli orrori della guerra.

Sangue, dolore, lacrime e paura, sono le tristi immagini che abbiamo visto sui giornali, nelle tv, su internet che arrivano direttamente dall’Ucraina dove una guerra incomprensibile e inutile come tutte le guerre, sta lasciando spazio alle tenebre. In tutto questo buio, una cosa di certo si è vista: la grande fede del popolo ucraino. Le immagini delle persone riversate nelle strade a pregare la Theotokos di Vladimir, meglio nota come Madre di Dio della tenerezza, e ancora i santi protettori dell’Ucraina insomma hanno mostrato come la fede e la preghiera sono più potetni di qualsiasi ignobile arma inventata dall’uomo.

Nella giornata di ieri 6 marzo 2022, la statua del Cristo è stata rimossa dalla cattedrale di Leopoli e dopo essere stato rivestito da materiale protettivo, è stato trasportato all’interno di un bunker anti-bomba in modo tale da assicurarne la conservazione. La decisione è stata presa dalle autorità comunali, in cooperazione con le realtà del territorio, per proteggere il patrimonio architettonico e artistico della città in caso di attacco da parte delle forse russe. “Abbiamo deciso di mettere il crocifisso in sicurezza perché così è stato deciso di fare in tutta la città – spiega padre Jakub della cattedrale di Leopoli alla giornalista del Corriere della Sera, Marta Serafini – ogni oggetto storico deve essere protetto così come le persone. E ora il Cristo si trova in luogo sicuro”. C’è un particolare da sottolineare, l’ultima volta che la satatua di Gesù Cristo è stata rimossa dalla cattedrale è stata in occasione della seconda guerra mondiale.

Giovanni Azzara

Ex studente in Teologia, attualmente studia "Lettere, Sapere Umanistico e Formazione", appassionato di tutto ciò che riguarda la storia, in particolare quella della Chiesa e anche di giornalismo. Membro dell’Unione Cattolica Stampa Italiana (UCSI), sezione di Palermo, collabora con Radio Panorama e Radio Spazio Noi inBlu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.