• Lun. Dic 5th, 2022

Don Bruno Sparacio. Porticello e Palermo lo ricordano

DiRoberto Immesi

Feb 26, 2022

È tornato alla casa del Padre, ad appena 62 anni, don Bruno Sparacio, parroco di Maria Santissima del Lume a Porticello, frazione del comune di Santa Flavia nel palermitano. Il presbitero, ordinato nel 1993 dall’allora arcivescovo Salvatore Pappalardo, si è spento al termine di una veloce ma terribile malattia che non gli ha lasciato scampo.

La notizia è arrivata ieri sera, giungendo da Porticello fino a Palermo dove don Bruno era stato parroco di San Luca Evangelista fino al 2002. “La sua scomparsa lascia e lascerà un vuoto profondo nella nostra comunità e in questo momento di dolore e smarrimento sicuramente ciò che proviamo è stima e ammirazione nei confronti del nostro caro parroco, ripensando al suo servizio presso la comunità di Porticello per lunghi 20 anni, servizio garantito dalle sue grandi doti umane, spirituali e pastorali – ha scritto su Facebook il sindaco di Santa Flavia Salvatore Sanfilippo, proclamando il lutto cittadino – In realtà la nostra ammirazione per don Bruno va oltre oceano perché anche i nostri concittadini americani hanno espresso la loro vicinanza e il loro cordoglio. Desidero esprimere a nome mio e di tutta l’Amministrazione le condoglianze più sentite e commosse alla famiglia”.

Fin qui la fredda cronaca, che adesso cede il passo a un ricordo personale. Chi scrive ha avuto la fortuna di conoscere padre Bruno tanti anni fa, per la precisione nel 1994 quando, ad appena 8 anni, ho iniziato a frequentare il catechismo nella piccola ma straordinaria parrocchia di San Luca, nella zona di via Oreto nuova, quasi a ridosso dell’inizio della circonvallazione. Locali piccoli, sotterranei che non hanno impedito di creare una forte comunità guidata per anni da don Bruno; anni felici, per quel che mi riguarda, gli anni dell’infanzia iniziati servendo all’altare e proseguiti in una comunità divenuta una famiglia.

La notizia del ritorno alla casa del Padre di padre Bruno non è stata un fulmine a ciel sereno, già da qualche giorno sapevo della triste condizione di salute di quello che è stato il mio primo parroco. E alla mente riaffiorano i ricordi e le emozioni di quegli anni vissuti insieme a padre Bruno e a tante persone con cui ho condiviso un pezzo di vita; anni felici, anche se, come tutte le fasi dell’esistenza, fatti di alti e bassi, ma che rimangono indelebili e scolpiti nel cuore. Padre Bruno era una persona buona, gentile, disponibile che è entrato nella vita di tante parrocchiane e tanti parrocchiani che oggi sui social ricordano con affetto un presbitero che ha dedicato agli altri la propria vita.

Puoi ricevere le notifiche degli articoli di PORTA DI SERVIZIO iscrivendoti gratuitamente nel nostro gruppo Telegram, qui t.me/portadiservizio

Roberto Immesi

Giornalista, collabora con Live Sicilia, è Revisore dei Conti dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia e Membro dell’Unione Cattolica Stampa Italiana (UCSI), sezione di Palermo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *